Smània ‘e libertà

«Smània ‘e libertà» è questo il titolo del nostro nuovo brano, con testo e musica di Donato Capuano, alla voce insieme a Enrico Bellotta, nato nel 2020 in piena emergenza Coronavirus (COVID-19).

Il testo in napoletano è denso di significato e guarda con nostalgia la vita quotidiana a cui eravamo abituati e dona all’ascoltatore un messaggio di speranza per un prossimo futuro migliore: “E arrivarrà ‘nu juórno ca tùtto turna cómme stévemo ‘na vòta o fòrze ancora mèglio”.

Il videoclip, con la regia di Vincenzo Capuano, è stato realizzato con immagini registrate con semplici smartphone dai protagonisti stando a casa, oltre all’utilizzo di immagini di repertorio post COVID: https://youtu.be/TrTrO8xUh84

Recording Studio di Sound LAB CasertaProduzione Mix & Master di Davide De Blasio.

Testo

SMÀNIA ‘E LIBERTÀ

Me mancano ‘e seràte
miézo ‘a via.
Me manca ‘nu bicchiére
‘e vino ‘n cumpagnìa.

Me manca tutt’a gènte
ca canóscevo
e sùlo si ce penzo
a me, me pare ajére.

Me manca ascì da càsa
cu ‘na jurnàta ‘e sole.
Me manca soprattùtto
‘na partita a pallóne.

E m’arricordo rà passione ca tenevo rà guaglione
ì’ cu ll’amìci rìnto ‘o vico e mamma mia ‘ncòppa ‘o balcone
e chélli corse e chélli scatti tengo ancora ‘e scarpe rotte
‘o cchiù capace era Totore, pareva proprio Maradona.

Me mancano l’abbràcci
e ‘i strénte ‘e mano
e quànno ce dìcevemo
ce vedimme dimane.

‘O tiémpo s’é fermato
e nùje restamme sùlo.
Intanto ì’ scrìvo e canto
co còre ‘sta canzóna.

Ca nun resòrve ciérto
‘o male ca ce stà,
ma amméno me cunzola
e m’ajuta a sunnà.

Sì chiuro l’uocchie ì’ penzo ‘o bène
e chéll’ammóre ognùno tene
che a vote pàre e ciò scurdà
ma sta ìnto ‘o còre e nun se ne va.

‘A mùseca è passióne
e a me, me fa sperà
dìnt’a ‘na cùra ca
rialà ‘a libertà.

Stasera passo a te piglià
te prego nun me fa aspettà.

E arrivarrà ‘nu juórno
ca tùtto turna
cómme stévemo ‘na vòta
o fòrze ancora mèglio…

E torneremo a c’abbraccià miézo ‘e strade, miézo ‘e piazze
e rìnto ‘e vìchi ‘e ‘sta città
pecché ‘sta vìta è tròppo bèlla pe’ fernì.

… o fòrze ancora mèglio…

pecché ‘sta vìta è tròppo bèlla pe’ fernì.

… o fòrze ancora mèglio!

Condividi questa pagina :)